Sito Ufficiale dell'Associazione "Tegnue di Chioggia" - ONLUS
 
   
 
 
 
 
 
 

Storie di relitti

Evdokia II - marzo 1991

 

Evdokia II - agosto 2012

- Mercantile Evdokia II (Testi e immagini tratti dal video "Naufragi" di Piero Mescalchin)

Una eccessiva fiducia nella moderna tecnologia di navigazione, determinò, nel marzo del 1991, l'affondamento del mercantile EVDOKIA II, causato da una collisione nella nebbia, a circa 6 miglia da Chioggia.
Nonostante il radar di bordo, improvvisamente il PHILIPPOS, un vecchio cargo dell'Honduras, ne squarciò il fianco sinistro e in pochi istanti i 9 membri dell'equipaggio dovettero gettarsi nelle gelide acque. Fu poi lo stesso cargo che li recuperò.

Il mercantile, adagiatosi verticalmente su un fondale di 24 metri, costituiva un pericolo per la navigazione a causa delle sue strutture più alte che arrivavano quasi in superficie.
 

  

Dopo 3 mesi dall'affondamento già si notava l'azione ricoprente degli organismi marini. L'EVDOKIA II era salpata dal porto bulgaro di Bargos, nel Mar Nero, e stava navigando in direzione del Porto di Venezia. Trasportava 3.000 tonnellate di lamiere di ferro in coils.


A distanza di 3 anni dall'affondamento, sul relitto dell'EVDOKIA II lo squarcio prodotto dalla collisione si è notevolmente aperto. Per visitare il relitto, una sola immersione non basta. La nave misura oltre 100 metri di lunghezza con una stazza lorda di1.437 tonnellate: sono circa 4.000 metri cubi, l'equivalente di un edificio di 20 appartamenti.



Le sovrastrutture, quasi affioranti dopo l'affondamento, sono state smantellate e ora il punto meno profondo è situato a -12 metri. I serbatoi di carburante sono stati completamente aspirati per scongiurare un eventuale pericolo di inquinamento.

 

 


Slide show - agosto 2005

Si ringrazia NIMAR - Correggio (Re) per il supporto tecnico fornito

 

 
   
 
 
Associazione Tegnùe di Chioggia, onlus - Palazzo Morari - 30015 - Chioggia (Ve), Italy