Sito Ufficiale dell'Associazione "Tegnue di Chioggia" - ONLUS
 
   
 
 
Festa per i fondali puliti, e trovano una bomba

Venezia, lunedý 26 maggio 2003, S. Filippo Neri

PRIMA PAGINA

Festa per i fondali puliti, e trovano una bomba
Allarme alle Tegn¨e di Chioggia per la scoperta di un ordigno americano


CHIOGGIA. Allarme bomba al largo di Chioggia. I fondali delle Tegn¨e, esplorati ieri mattina da quasi 300 sommozzatori in occasione della manifestazione źSpiagge e fondali puliti╗ organizzata da Legambiente e dall'omonima associazione, potrebbero nascondere un ordigno bellico americano della seconda Guerra mondiale.
Momenti di paura per una piccola imbarcazione di volontari. Tra gli oggetti riportati a galla nel cestello, Rossano Tiozzo Pezzoli, ha riconosciuto una bomba inesplosa, che Ŕ stata rigettata in mare. La Capitaneria di porto ha delimitato la zona, a 3 miglia e mezzo dalla diga di San Felice, posizionando 2 boe in polistirolo, in pratica vietando la navigazione. La pulizia dell'aera protetta, invece, ha portato alla luce pochi rifiuti.


CHIOGGIA. Allarme bomba al largo di Chioggia. I fondali delle Tegn¨e, esplorati ieri mattina da quasi 300 sommozzatori arrivati da tutto il Nordest in occasione della manifestazione źSpiagge e fondali puliti╗ organizzata da Legambiente e dall'omonima associazione, potrebbero nascondere un ordigno bellico americano della seconda Guerra mondiale. Ma anche soddisfazione della Goletta Verde, presente alla manifestazione, per i pochi rifiuti portati a galla dai sub nella riserva, riconosciuta nel 2002 dal ministero delle Politiche agricole e forestali, area a tutela biologica.
Niente immondizia nei fondali, dunque, ma pericoli di altro genere. Le operazioni di pulizia hanno riservato momenti di grande apprensione per una piccola imbarcazione di volontari che ha partecipato all'esplorazione delle Tegn¨e. Tra gli oggetti riportati a galla nel cestello, Rossano Tiozzo Pezzoli, ha riconosciuto una bomba inesplosa, probabilmente sganciata durante l'ultimo conflitto mondiale. Colto dal panico, Tiozzo ha ributtato l'ordigno in mare, preoccupandosi successivamente di segnalare l'accaduto al 113. La Capitaneria di porto ha delimitato la zona interessata dalla possibile presenza di una bomba, a 3 miglia e mezzo dalla diga di San Felice, posizionando 2 boe in polistirolo e avvisando via fax tutte i soggetti interessati alla navigazione. L'allarme potrebbe rientrare oggi, dopo il sopralluogo degli artificieri che accerteranno l'effettiva presenza dell'ordigno e l'entitÓ della pericolositÓ.
Decisamente meno preoccupanti i rifiuti raccolti dagli altri sommozzatori, suddivisi in una trentina di imbarcazioni, tra pescherecci, motonavi e gommoni, partite nella prima mattinata di ieri da Punta Poli per partecipare all'operazione ecologica pi¨ grossa mai realizzata nei mari italiani. L'immersione, durata pi¨ di 2 ore, dalle 11.30 alle 14, Ŕ stata ripresa dalle telecamere degli operatori Rai e dei molti appassionati che hanno seguito la manifestazione a bordo di piccole imbarcazioni private. I sub, ostacolati nel lavoro di scandaglio dei fondali, dalla scarsa visibilitÓ delle acque, hanno riportato a galla una modesta quantitÓ di rifiuti: bottiglie, attrezzi di lavoro, cavi d'acciaio e una visiera di un casco. I fondali hanno per˛ rilevato, come era prevedibile data la conformazione della riserva, una grande quantitÓ di reti incastrate nelle infiorescenze marine che caratterizzano la fauna delle Tegn¨e, unica in tutto l'Adriatico. źSiamo pi¨ che soddisfatti dell'esito dell'operazione che ha superato tutte le nostre aspettative - dichiara Angelo Mancone, presidente di Legambiente - la sinergia tra associazioni diverse testimonia la sensibilitÓ diffusa per la tutela delle bellezze naturali dell'Adriatico╗. L'iniziativa Ŕ stata supportata anche dall'Associazione albergatori di Sottomarina (Asa) che ha partecipato al corteo con una motonave. źLa valorizzazione delle risorse paesaggistiche pu˛ contribuire a sviluppare il turismo - ha affermato Giuliano Boscolo, consigliere dell'Asa e vice presidente dell'Apt -. Le Tegn¨e sono senz'altro una delle tante ricchezze di Chioggia su cui far leva per promuovere l'immagine della cittÓ, superando la connotazione unicamente balneare╗.
Soddisfatto Piero Mescalchin (Associazione delle Tegn¨e) che ha sottolineato la volontÓ di garantire un'area protetta. All'operazione hanno partecipato cinque motonavi e 30 imbarcazioni.




 
   
 
 
Associazione Tegnue di Chioggia, onlus - Palazzo Morari - 30015 - Chioggia (Ve), Italy